FATTICULT 2020. La settima edizione in sei giornate tra cultura, clima, archivi, arte e fotografia dal 25 settembre al 16 ottobre

fatticult2020Un dibattito sullo stato di salute del settore culturale ai tempi della pandemia, un viaggio tra gli archivi fotografici, una riflessione sul cambiamento ambientale l’incontro con l’arte contemporanea: arriva la settima edizione di FATTICULT, dal 25 settembre al 16 ottobre 2020. In tutta sicurezza, gli eventi sono gratuiti ma è obbligatoria la prenotazione su www.fattidicultura.it

 

Per mettere Mantova al centro del dibattito nazionale attorno ai temi della cultura, nell’attualità del ruolo che le spetta in questi tempi difficili, torna dal 25 settembre al 16 ottobre FATTICULT. Organizzato per poter favorire l’incontro e il confronto anche in quest'anno difficile, la nuova edizione ci mette davanti a numerosi interrogativi e stimoli, proposti in sei giornate tematiche. Il cuore degli eventi 2020 è il Tempio di San Sebastiano, con alcuni eventi previsti al Creative Lab e a Palazzo Te.

Si parte venerdì 25 settembre con LE IMMAGINI NEGLI ARCHIVI: ospiti Archivi Alinari, Touring Club Italiano, Festivaletteratura, la Biblioteca Baratta e l’Archivio Storico di Mantova ma anche gli studiosi Juri Meda e Carlo Saletti, che porteranno interessanti spunti di riflessione. Nella giornata anche l’anteprima del mattino e la replica serale di PORTATE RICORDI, secondo coinvolgente spettacolo dedicato agli archivi co-prodotto da Teatro Magro, Zero Beat e Charta.
Alle ore 18 sarà inaugurata ME GENUIT, una nuova intensa mostra fotografica di Giuseppe Gradella dedicata alla città di Mantova. 

Sabato 26 settembre ancora gli archivi e la memoria sono i protagonisti del percorso guidato alla scoperta della città di Mantova accompagnati dallesperienza trentennale degli operatori di cooperativa Charta. 

Lunedì 28 settembre al centro dell’attenzione è in programma un appuntamento di stringente attualità, un confronto aperto sullo stato di salute del settore culturale in Italia ai tempi del Coronavirus, con uno sguardo ampio e articolato: intervengono Stefano Baia Curioni di Fondazione Palazzo Te, Ugo Bacchella di Fondazione Fitzcarraldo e Marianna d’Ovidio dell’Università Bocconi di Milano. In collaborazione con cheFare.

Mercoledì’ 30 settembre si parla invece di CLIMA E CULTURA, in collaborazione con lassessorato allambiente del Comune di Mantova nellambito del progetto C-Change per labbattimento delle emissioni di CO2 da parte del mondo culturale. Si incontreranno più punti di vista attorno allo stesso tema, per dimostrare che il clima è e deve essere prioritario, di centrale importanza e impatto per le amministrazioni, per la scienza, per linsegnamento, per leconomia tanto quanto per la cultura e larte, che hanno il ruolo indispensabile di veicolarne lurgenza. Intervengono Roberta Marchioro (settore Ambiente, Comune di Mantova), Giorgio Carlo Schultze (esperto di energie rinnovabili), Luciano Canova (economista e divulgatore scientifico), Elisa Palazzi (ricercatrice dellIstituto di scienze dellatmosfera e del clima CNR – ISAC) e ANDRECO (Andrea Conta – artista e ingegnere ambientale).

In serata prende il via un nuovo ciclo di incontri di Frammenti di fotografia, con l’incontro guidato da Marco Brioni FOTOGRAFARE L’AMBIENTE CHE CAMBIA: ospite della serata sarà il fotografo Alessandro Grassani, fotoreporter, autore del progetto "Migranti ambientali, l'ultima illusione”. 

Venerdì 2 ottobre saranno la creatività e i linguaggi artistici i protagonisti della sezione FATTICULT YOUNG: in mattinata sarà presentato il concorso fotografico del progetto ATTRACT aperto a tutti e dedicato a Mantova e al suo rapporto con l’acqua. Nel tardo pomeriggio ci spostiamo al Creative Lab perchè torna il format TEN, che stavolta raddoppia lo spazio espositivo per due mostre da non perdere. Da una parte le illustrazioni di Federico Bassi, dall’altra le fotografie degli allievi del corso di formazione specialistica dellAccademia Creative Lab. 

Fatticult 2020 chiude venerdì 16 ottobre con lappuntamento dedicato allarte contemporanea e con leccezionale presenza dello scultore altoatesino Aron Demetz nella splendida cornice della Sala dei Cavalli di Palazzo Te, che dialogherà con il critico Alessandro Romanini e con Massimo Moretti, CEO dellazienda WASP specializzata in stampa 3D.

PARTNERSHIP E COLLABORAZIONI

Fatticult è realizzato da Pantacon e dalla sue cooperative Alkèmica, Charta, Teatro Magro e Zero Beat con il sostegno di ANCI, Comune
di Mantova e Comune di Ravenna nell’ambito del progetto “Virgilio e Dante
4.0, nuove strade antichi maestri” finanziato da Anci Avviso SINERGIE
.
Con il patrocinio di di Commissione Europea, Parlamento Europeo, Fondazione Cariplo, ANAI, Regione Lombardia, Camera di Commercio, Provincia di Mantova e con la partnership scientifica di cheFare.

PARTECIPAZIONE E ISCRIZIONI

Tutti gli eventi sono gratuiti e si svolgono nel rispetto delle disposizioni di legge in materia di prevenzione Covid-19. Per tutti gli eventi è necessaria la prenotazione su www.fattidicultura.it/iscrizione

Informazioni
mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
whatsapp: 327.1853740

La mostra di Giuseppe Gradella ME GENUIT sarà visitabile gratuitamente presso la chiesa inferiore del Tempio di San Sebastiano con accesso dedicato dal 25 settembre al 4 ottobre, dal lunedì al venerdì dalle 14.30 alle 17.30 e il sabato e la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14.30 alle 17.30. Durante tutta la sua durata l’accesso alla mostra sarà regolamentato nel rispetto delle disposizioni Covid-19.