Pantacon Reloaded: Cariplo premia il consorzio Pantacon per il suo progetto 2017-2019 di rafforzamento delle proprie cooperative culturali e sviluppa nuove azioni sul territorio

Il 2016 è stato per Pantacon un anno importante di sfide e crescita, per il consorzio come soggetto culturale e per le singole cooperative che lo compongono - Alkèmica, Charta, Radiobase, Teatro Magro e Zero Beat - molto attive sul territorio tra erogazione di servizi culturali e ideazione di percorsi di avvicinamento alla cultura per specialisti, operatori ma anche famiglie e giovani che rivolgono lo sguardo ad un contesto in continuo mutamento.

Cogliendo i frutti di un impegno sul campo dal 2012 ad oggi, instancabilmente orientato alla crescita interna e alle sfide del territorio, il Consorzio Pantacon si è appena aggiudicato un finanziamento CARIPLO sul Bando Cultura Sostenibile (di euro 220.000), rivolto a chi voglia raggiungere un livello accettabile di sostenibilità economico-finanziaria attraverso la buona gestione delle proprie attività, l'estensione del proprio pubblico di riferimento e il rinnovamento della propria offerta culturale, perseguendo fini di pubblica utilità. Il progetto si chiama "Pantacon Reloaded: forme di rigenerazione creativa per i beni comuni".
Significa poter migliorare l'organizzazione delle proprie cooperative culturali e del consorzio stesso, per affrontare le sfide dei prossimi anni che si aprono in termini di mercato, impresa, ricerca, progettazione, innovazione, lavoro, sostenibilità. Importante traguardo e insieme punto di partenza, sarà un modo per proseguire più rafforzati nella co-progettazione e nella realizzazione di interventi socio-culturali di rigenerazione di beni comuni a beneficio della città del territorio provinciale.

 

Nel futuro...

Al recupero e alla rigenerazione dell'ultimo degli edifici da recuperare post-terremoto è rivolta la sfida che un costituendo partenariato pubblico-privato che il Comune di San Benedetto Po vuole condurre e affrontare nel prossimo triennio 2017-2019. L'Infermeria Nuova è uno straordinario manufatto realizzato tra la fine del XV e il XVI secolo, terminato al piano superiore nel 700 che oggi si trova immediatamente a ridosso di piazza Matilde di Canossa con un grande cortile interno, un giardino spazioso e la ciminiera dell'ex-bottonificio che ne caratterizza la vista. Il sisma del 2012 ha lesionato gravemente le parti alte dell'intero edificio che ad oggi non è ancora stato recuperato per la dimensione dell'intervento di recupero e messa in sicurezza. L'idea nata dall'Amministrazione comunale e dal consorzio di cooperative culturali Pantacon è quella di recuperare interamente la struttura ampliandone le possibilità per farne un centro per accogliere visitatori da tutto il mondo in una cornice suggestiva ed unica, coordinare azioni di slow tourism per il territorio, programmare attività culturali quali concerti, mostre, degustazioni, atelier, ospitare convention, congressi, conferenze, promuovere progetti per residenze artistiche e laboratori artigianali specializzati, offrire opportunità di lavoro e di re-inserimento per persone con disabilità/difficoltà e supportare azioni di welfare di comunità, costruendo partnership e progetti per rendere sostenibile l'esperienza.

Un progetto europeo sulla divulgazione scientifica: la sfida è quella di costruire un progetto di educazione per i ragazzi e di formazione per i docenti che attraverso i linguaggi delle arti performative avvicini il pubblico alla cultura scientifica e ai temi delle nuove tecnologie. Il progetto prevede il coinvolgimento di tutte le cooperative Pantacon.

Altri progetti in corso

Finanziamento ANCI sul bando "Giovani RigenerAzioni Creative" (euro 200.000), capofila Comune di Mantova: Pantacon è tra i dodici partner del progetto per la sistemazione dei locali dell'ex Centro di Aggregazione Giovanile di Lunetta per le attività e servizi a favore dei giovani e il lavoro.Il progetto persegue l'obiettivo strategico di creare un laboratorio sperimentale e creativo denominato "Creative Lab" che si basi sulla logica dell'economia collaborativa per riattivare lo spazio del quartiere Lunetta che è stato in passato sede del Cag ed è attualmente chiuso. In questa prospettiva, si recupera lo spazio dell'ex Cag e del Consultorio Familiare recentemente trasferiti, per aprire un polo multiservizi per la creatività.

Pantacon sarà anche parte attiva nel progetto pluriennale sul futuro della città "Mantova Hub", candidato per il bando nazionale del Governo sulla riqualificazione delle periferie e recentemente oggetto di stanziamento.Lo studio di fattibilità, elaborato dall'architetto Stefano Boeri, riguarda la periferia ad est della città, tra Porto Catena e Valletta Valsecchi, si propone di valorizzare le aree preziose come quelle dell'ex ceramica e di San Nicolò nella prospettiva di una "ricucitura urbanistica e socio-economica della città di Mantova, nel segno della sostenibilità". Tra i 34 soggetti istituzionali, pubblici e privati, il consorzio culturale Pantacon sarà coinvolto in interventi di storytelling e di animazione del luogo che racconterà se stesso e la riscoperta di una parte importante e strategica per la città e il suo territorio.

In questo contesto prende ora il via il LIVING LAB negli spazi dell'Hub Santagnese10 che vuole aprire un confronto tra realtà diverse, grazie all'incontro con ospiti di città d'Italia e non solo che già operano in ambito di rigenerazione urbana e innovazione socio-culturale. Si parte con un calendario di incontri aperti a tutti, rivolti agli specialisti dei settori interessati - architettura, design, istituzioni e servizi - ma anche ai cittadini che vogliono capire perchè è importante il recupero di uno spazio urbano, quale visione si sta andando a concretizzare a Mantova e non solo e a quale tipo di sviluppo sostenibile urbano, economico e sociale di un territorio si può e si deve aspirare.